Plugin per scrivere i post nei formati introdotti da WordPress 3.1

WordPress 3.1 ha introdotto, tra le varie novità, il formato dei post. Si tratta di una serie di formati predefiniti che gli sviluppatori dei temi possono utilizzare per personalizzare la visualizzazione dei post nel blog. I formati disponibili sono aside, gallery, link, image, quote, status, video, audio e chat e non è possibile aggiungerne altri, inoltre, per poterli utilizzare, è necessario che il tema li supporti. Per maggiori informazioni si può leggere questo articolo WordPress 3.1: i formati dei post.
[banner336]
Uno dei difetti principali di questa funzionalità è che l’interfaccia per la scrittura del post nel pannello di amministrazione è sempre la stessa, mentre il formato può essere scelto da un apposito box. Alex King ed il suo team hanno sviluppato un plugin che trasforma l’editor in modo da rendere più semplice ed intuitiva la scrittura dei post nei vari formati e l’hanno reso disponibile su GitHub. Quanto segue è preso direttamente dalla presentazione fatta da Alex King sul suo blog.

Il plugin rappresenta una soluzione che migliora l’interfaccia di scrittura dei post e rende standard i campi personalizzati dei vari formati. Nella schermata dell’editor è stata aggiunta una navigazione a tab che consente all’utente di scegliere facilmente il formato dei post che vuole utilizzare.  Il box del formato è nascosto e le tab ne gestiscono in automatico la selezione.

WordPress - Editor post formato standard

Ora vediamo nel dettaglio l’interfaccia dei singoli formati gestiti dal plugin, tenendo a mente che il plugin segue le linee guida date da WordPress, ma i singoli temi potrebbero implementarle diversamente. La speranza è che si riesca il più velocemente possibile ad arrivare ad uno standard e la diffusione di questo plugin potrebbe rappresentare un’ottima occasione.

Status: viene trattato come solo contenuto, senza un titolo, riprendendo nel concetto l’aggiornamento di stato di Facebook e Twitter. Non è possibile specificare un titolo, anche se, ai fini del funzionamento di WordPress, viene impostato come i primi 50 caratteri del contenuto. In ogni caso non verrà mai visualizzato.

WordPress - Editor post formato status

 

Link: hanno un campo personalizzato (_format_link_url) per l’ URL del sito o pagina da linkare. Questa URL può essere utilizzata dal tema per implementare un link diretto al sito esterno in corrispondenza del titolo.

WordPress - Editor post formato Link

 

Image: utilizza la funzione “Immagine in evidenza di WordPress”. Quest’ultima viene considerata come l’immagine che costituisce il post e i temi la visualizzano secondo le linee guida del formato.

WordPress - Editor post formato Image

 

Gallery: visualizza nel tab la galleria WordPress, in modo che sia chiaro che tutte quelle immagini compariranno con il post. Sarà poi il tema a dover decidere come visualizzare questo formato di post.

WordPress - Editor post formato Gallery

 

Video: ha un campo personalizzato  (_format_video_embed) in cui inserire il codice o l’URL per embeddare il video.

WordPress - Editor post formato Video

Quote: ha due campi personalizzati, uno per il nome della persona da citare (_format_quote_src_name),e uno per il link a cui attribuire la citazione (_format_quote_src_url). Come per il formato status, il titolo viene creato partendo dai primi 50 caratteri del contenuto e il tema non dovrebbe mai visualizzarlo.

WordPress - Editor post formato Quote

 

All’interno del plugin è stata utilizzata una convenzione per dare un nome ai campi personalizzati:

_format_{tipo-formato}_{nome-descrittivo-del-campo}

L’underscore all’inizio del nome evita che il campo venga visualizzato nel box standard dei campi personalizzati, mentre il resto serve a indicare il formato a cui si riferisce e descrivere cosa rappresenta il dato.

L’obiettivo futuro del team di sviluppo è quello di creare un tema che supporti tutti questi formati e li visualizzi secondo le loro filosofie. Se dovesse ottenere un buon successo, potrebbe rendere più standard l’utilizzo dei formati, che al momento è troppo lasciato al progettista del singolo tema.

Precedente WordPress: evitare i pingback sui link ai vecchi post Successivo Grafico della struttura di un tema WordPress